Disturbi sessuali2018-08-17T15:19:33+00:00

Disturbi sessuali

Oggi i disturbi sessuali sono in forte aumento tra la popolazione e sono alla base di varie problematiche, oltre che individuali, anche all’interno della coppia.

In alcuni casi, si accompagnano a qualche altro disturbo psicologico, come l’ ansia, la depressione, disturbi ossessivi e compulsivi ecc., in altri casi, invece, rappresentano un problema a sé stante.

Il Modello Breve Strategico ha evidenziato due diversi meccanismi alla base della formazione e del mantenimento dei disturbi sessuali:

  • la ricerca deliberata di sensazioni e/o di reazioni che dovrebbero essere spontanee che crea un vero e proprio paradosso psicofisiologico, per cui più si cerca di procurarsi le sensazioni/prestazioni desiderate, meno le si riesce a sperimentare. Ne sono un esempio la difficoltà di erezione o l’anorgasmia femminile.
  • Il tentativo di evitare sensazioni e/o reazioni non desiderate, ottenendo l’effetto contrario.  Il problema, in questi casi, consiste nel fatto che per inibire un comportamento o una sensazione volontariamente è necessario pensarlo e, se lo si pensa, avviene inevitabilmente un’attivazione neuroendocrina che si traduce in un’eccitazione sessuale che una volta attivata non si riesce a frenare; ne è un esempio l’eiaculazione precoce.

I disturbi che rientrano in questa categoria sono:

Eiaculazione precoce

Ricorrente o persistente verificarsi dell’eiaculazione in seguito a minimale stimolazione sessuale prima, durante o poco dopo la penetrazione fino a che questa diviene impraticabile.

Difficoltà o disturbo di erezione

Ricorrente o persistente impossibilità del soggetto di sesso maschile a raggiungere e/o mantenere un’erezione sufficiente a condurre un rapporto soddisfacente, in assenza di patologia organica o di abuso di alcool.

Vaginismo

Notevole disagio/dolore durante la penetrazione, fino a che questa diviene impraticabile.

Disturbi del desiderio

Calo del desiderio o totale assenza di desiderio. Il primo porta all’evitamento dei rapporti sessuali, mentre il secondo all’evitamento di qualsiasi contatto con un partner sessuale (può avere alla base un trauma o una fobia);

Disturbo dell’orgasmo maschile e femminile

Ricorrente o persistente assenza (nella donna), ritardo o assenza (nell’uomo) dell’orgasmo dopo una fase di eccitazione normale.

Disturbo dell’eccitazione sessuale femminile

Incapacità di raggiungere o di mantenere una risposta adeguata di eccitazione fino al termine del rapporto sessuale che determina assente o insufficiente lubrificazione e tumescenza dei genitali;

Parafilie

L’eccitazione viene stimolata da fantasie o da comportamenti insoliti, con forte disagio personale e/o sociale.

Gli specifici protocolli di trattamento messi a punto dal Modello Breve Strategico per i principali disturbi sessuali maschili e femminili, registrano attualmente una Efficacia del 91% dei casi ed una Efficienza media di 7 sedute.

L’intervento può necessitare o meno del coinvolgimento del partner in relazione alle necessità di volta in volta valutate e mira a ristabilire ciò che appartiene alla natura dell’essere umano e che la mente sembra in qualche modo ostacolare.

“Il sesso è l’arte di controllare la mancanza di controllo”
Coelho

Dott.ssa Erica Badalassi

I MIEI CONTATTI

Cell. 345 857 8906
E.mial info@ericabadalassi.it

DOVE RICEVO

Cascina, Corso Matteotti, 72.
Ponsacco, Viale Italia, 1, Le Melorie.

Contattami!
Raccontami la tua storia, inviami la tua richiesta, scopri come funziona
la consulenza psicologica ad orientamento breve strategico.





Ho letto l'informativa sulla privacy.
Leggi l'informativa.